I personaggi di Posy Simmonds balzano fuori dalle pagine della sua graphic novel e si fanno vivi tra le mani di Anne Fontaine, che li plasma con la stessa morbidezza dell’opera originaria, riportando sul grande schermo un classico della letteratura francese in una salsa squisitamente inglese.

Martin massaggia la pasta del pane come il corpo sinuoso di una donna, immerge i sensi in quella massa accogliente, e in quel gesto così naturale si ricongiunge con la terra, con la crosta terrestre da cui è nata la vita. Ogni notte ripete il suo esercizio sensuale per cancellare i pensieri più oscuri e ritrovare in quella sostanza primordiale la pace di un anima irrisolta, che ha abbandonato le velleità intellettuali per ritirarsi in Normandia a gestire il vecchio forno di suo padre. Martin è presente con il corpo in quella campagna sconfinata, ma non con la mente, che saltella da un romanzo all’altro, fantasticando sulle passioni brucianti delle sue eroine, lontanissime dalla sua quotidianità di tiepidi affetti. Ma un giorno, all’improvviso, nella casa accanto alla sua arriva una coppia di inglesi dal nome singolare: Charles e Gemma Bovery. I suoi sensi assopiti si risvegliano e la sua fantasia letteraria si mette immediatamente all’opera.

gemma-bovery-shakemovies
Gemma è di una bellezza prorompente, magnetica, e l’algido marito è troppo preso dal suo lavoro per accorgersene. Nell’istante stesso in cui la vede, Martin torna ad essere il ragazzo che faceva pensieri peccaminosi tra le pagine di Madame Bovary, la femme fatale eternamente insoddisfatta, che saltava da un letto all’altro per colmare la sua fame incontenibile di passione. Proprio come il suo alter ego letterario, Gemma è disinibita e generosa e Martin non può fare a meno di osservarla continuamente, come un regista attento con la sua attrice protagonista, per studiare i gesti con cui seduce inconsapevolmente tutti gli uomini che incontra, e imbastire su di lei una fantastica storia d’amore e tradimenti, che si consuma tra le lenzuola annoiate delle tranquille campagne della Normandia. Il vecchio panettiere è il deus ex machina onnipresente ma invisibile di una storia che si svolge nella sua mente più che sotto i suoi occhi, e la sua musa prediletta è perennemente al centro della scena, mentre presta il suo corpo sinuoso e il suo viso pulito a torbidi incontri extraconiugali con i signorotti locali. Martin manovra i suoi personaggi ad arte, seguendo un copione che conosce a memoria, ma quanto più questi ricalcano i comportamenti dei loro gemelli letterari, tanto più lottano per districarsi dal ruolo che gli è stato imposto, rivendicando la libertà d’azione nella loro presenza in carne e ossa sulla scena contemporanea.

gemma--bovery-shakemovies
Nel racconto per immagini di Anne Fontaine la vita imita l’arte con tutti i mezzi che le sono concessi, dal classico francese di Flaubert alla graphic novel di Posy Simmonds, e dall’opera a fumetti al cinema. Gemma Bovery è tratteggiata con ironia e la sua personalità complessa viene accarezzata dal punto di vista di tutti gli uomini che ne sono ammaliati, dal panettiere curioso, al marito distaccato fino agli amanti che volteggiano instancabilmente nella sua vita. Nessuno rimane indifferente al suo potere seduttivo, neanche Anne Fontaine, che affida alla sensualissima Gemma Artenton il compito di far girare tutto il mondo attorno alle sue forme sinuose e di travolgere emotivamente chiunque posi lo sguardo su di lei. D’altro canto non è la prima volta che la bella attrice arriva a portare scompiglio nella quiete bucolica, infatti già in Tamara Drewe – Tradimenti all’inglese di Stephen Frears la Artenton aveva sconvolto con i suoi costumi dissoluti un villaggio del Dorset, prestando ancora una volta anima e corpo alle matite della Simmonds. Ma Anne Fontaine conferisce un valore aggiunto al suo adattamento, ammorbidendo i tratti della Simmonds con le tonalità pastello del cinema francese e con l’ironia sottile sui costumi inglesi che la lontananza culturale le concede, fino a creare un’opera che coniuga linguaggi diversi in una deliziosa armonia di forme d’arte.

Autore Valeria Brucoli