L’universo cinematografico di Harry Potter non potrebbe esistere senza la sua musica. E le note lievi di Hedwig’s Theme sono solo la prima tappa di un viaggio straordinario verso una dimensione in cui la realtà che conosciamo svanisce per assumere le forme della nostra fantasia. Qui dove creature mitologiche e potenti maghi si scontrano in duelli all’ultimo sangue a colpi di incantesimi, le note del Premio Oscar John Williams seguono il ritmo dell’avventura, modellando le note sull’azione in un connubio perfetto tra musica e immagini che riesce a portare sul grande schermo la magia delle pagine di J.K. Rowlings.

Per rendere la magia ancora più reale l’Orchestra Italiana del Cinema ha portato Harry Potter e la Camera dei Segreti di Chris Columbus in concerto sul palcoscenico dell’Auditorium della Conciliazione di Roma, nei giorni 1-2-3 dicembre, grazie all’incredibile la formazione di ottanta elementi, diretta da Justin Freer e da Christian Schumann, che ha eseguito dal vivo l’indimenticabile colonna sonora di John Williams in sincrono con le immagini, i dialoghi, gli effetti speciali, mentre il film è stato proiettato in alta definizione su uno schermo di oltre dodici metri.

A un anno esatto dal grande successo di Harry Potter e la Pietra Filosofale in concerto, l’incanto si è ripetuto e l’emozione si è riaccesa al cospetto di uno degli episodi più oscuri della saga, in cui la morte imbratta di sangue le mura di Hogwarts, mettendo a rischio il destino della scuola di magia e dei suoi futuri maghi, mentre Harry Potter e i suoi fedeli amici Ron, Hermione e Ginny combattono creature ancestrali e spaventose con l’abilità e il coraggio che li contraddistingue. Nulla di nuovo in fondo per chi conosce la storia, visto che il film è arrivato nelle sale nel 2002 e da allora molti altri episodi si sono aggiunti alla saga oltre al fatto che i suoi protagonisti ormai sono diventati adulti, ma ciò nonostante rivedere quelle sequenze sul grande schermo conserva un fascino eternamente giovane, quasi immortale, e il supporto dell’orchestra che le musica dal vivo accentua l’emozione di chi le conosce a memoria così come di chi le guarda per la prima volta. Ed è proprio per questo che il cine-concerto dedicato ad Harry Potter è un’esperienza imperdibile per tutti coloro che hanno amato Harry Potter, perchè se da una parte rappresenta l’incontro con qualcosa di familiare, dall’altra la presenza dei musicisti in scena dà l’impressione di assistere a qualcosa di completamente nuovo e diverso.

Autore Valeria Brucoli