Knight of cups

C’era una volta un giovane principe che fu mandato dal padre, il re dell’Est, fino in Egitto, allo scopo di trovare una perla. Quando il principe arrivò la gente versò lui da bere in una coppa. Non appena il principe bevve dimenticò di essere il figlio di un re, perse memoria della perla e cadde in un sonno profondo.

Il padre di Rick gli leggeva spesso questa favola da bambino. Rick (Christian Bale) è un autore di commedie che vive a Santa Monica. Un luogo da sogno ma Rick desidera qualcosa di diverso, che vada oltre la vita a cui è abituato e che conosce, ma non sa cosa sia, né come trovarlo. La morte di suo fratello Billy grava su di lui come un’ombra. Suo padre Joseph (Brian Dennehy) prova a causa di questa perdita degli enormi sensi di colpa. L’altro fratello, Barry (Wes Bentley), sta attraversando un periodo borderline, nonostante si sia appena trasferito a Los Angeles vicino al fratello che prova in tutti i modi (ma forse anche no) a rimetterlo in piedi. Rick sembra trovare la risposta nel suo grande interrogativo della vita nella compagnia delle donne: Della (Imogen Poots); Nancy (Cate Blanchett), una dottoressa con la quale è stato sposato; una modella di nome Helen (Freida Pinto); Elizabeth (Natalie Portman), una donna sposata che lo trasforma nel suo amante e che rimarrà incinta; la spogliarellista Karen (Teresa Palmer); e Isabel (Isabel Lucas), una giovane donna che sembra fermamente intenzionata a farlo guardare avanti, verso una nuova e diversa direzione. Sembra che le donne siano molto più sagge di lui. Lo avvicinano al cuore delle cose, al mistero. Ma è tutto inutile. Le feste, i flirt, la carriera: nulla lo soddisfa. Eppure, ogni donna, ogni uomo che ha incontrato nel corso della sua vita è servito, in qualche modo, come guida, come messaggero.

Knight of cups

Knight of cups si presenta come un film di Malick a tutti gli effetti, e come nel caso di The New World – Il nuovo mondo e di To the wonder si rimane indecisi sulla sensazione da provare nel corso della visione: è più forte il desiderio che il film duri per sempre, ben oltre i 118 minuti previsti, dato che non è sufficiente questo lasso di tempo per comprendere fino in fondo cosa una pellicola del regista di The Tree of Life voglia davvero comunicare, suggerire, evocare o spingere a riflettere, oppure è più pressante l’insofferenza e il desiderio che tutto finisca in un attimo, per porre fino a quell’imbarazzante masturbazione estetica che è ogni montaggio di Malick, tutti i film, nessuno escluso? Al regista si dà sempre una chance, ma si viene sempre delusi e in Knight of cups più che negli altri casi (o forse la colpa è delle aspettative di chi scrive): estetica, montaggi azzardati, soggettive al limite (con un’ossessione invadente delle scene subacquee), taglia e cuci di momenti che stordiscono e che, per di più, non vengono controbilanciati da una forza di sentimenti senza misura. L’amore raccontato da Malick è sempre uguale a se stesso e viene presentato come l’unico modo possibile d’amare, in maniera distruttiva, totalizzante ma per questo alienante, in una dinamica di coppia dove non si fa altro che discutere sui temi profondi della vita e sul senso dell’esistenza umana, crogiolandosi tra le lenzuola o passeggiando in riva al mare senza meta e dimentichi degli ordinari ritmi di vita.

Qualcuno chiamerà questa dinamica di racconto geniale, innovativa e destabilizzante e, in effetti, il quantitativo di tempo trascorso durante la visione a chiedersi cosa fosse quella spiacevole sensazione di oppressione potrebbe essere il sintomo di una tale immedesimazione da superare il filtro della macchina da presa. Altri ricorderanno la pellicola non per il contenuto, non per la performance degli attori, non giudicabile dato che la loro presenza viene ridotta a frase sconnesse pronunciate fuori campo, ma per la splendida fotografia che porta un nome, Emmanuel Lubezki identificabile come il vero maestro dei crepuscoli e delle luci in declino.

Malick ha un po’ stancato, ma forse non smetteremo, ancora una volta, di correre in sala per masturbarci esteticamente insieme a lui.

Autore Federica Privitera