Dopo aver firmato la sceneggiatura di Essere John Malkovich, Confessioni di una mente pericolosa, e Se mi lasci ti cancello, Charlie Kaufman si cimenta con la macchina da presa in un film interpretato dal Premio Oscar Philip Seymour Hoffman, che nella clip tenta invano di resistere alle avances dall’attrice Samantha Morton.

Hoffman è Caden Cotard, un regista teatrale con una vita sentimentale travagliata, che dopo essere stato lasciato dalla moglie Adele, fuggita a Berlino con la figlia Olive, ha intrapreso una relazione con l’affascinante Hazen (Samantha Morton). Ma nessuna delle donne che incontra nella sua vita riescono a fargli dimenticare Adele e la passione per Hazen sfiorisce presto. Alla solitudine interiore si aggiunge la paura di morire per una misteriosa malattia che gli è appena stata diagnosticata, così decide di radunare un gruppo di attori e mettere in scena la sua vita in una pièce che riporta in vita i luoghi in cui ha vissuto in un magazzino di New York, intrecciando inestricabilmente vita reale e finzione.

Autore Valeria Brucoli